Il diverbio litigioso sul luogo di lavoro può giustificare il licenziamento soltanto laddove sia seguito dalle vie di fatto e anche in tale evenienza occorre poi accertare le modalità con le quali ha avuto inizio il contrasto fisico tra i due lavoratori al fine di stabilire la ricorrenza, in concreto, degli elementi della giusta causa, in quanto, altro è passare alle vie di fatto per difendersi dall’aggressione fisica subita dall’antagonista, altro è farlo per aggredire l’altro fisicamente (Trib. Salerno, sez. lav., 20 febbraio 2019, n. 237)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cancella il moduloInvia